In evidenza

Flexible Packaging Europa: crescono i consumi ma la vera sfida resta la sostenibilità

1 Marzo 2019

Secondo una ricerca di PCI Wood Mackenzie (UK), la vendita di imballaggi flessibili in Europa continuerà a crescere per arrivare al 2022 a quota 16 miliardi di euro con consumi globali che toccheranno i 107 miliardi di dollari. Il trend di crescita si evidenzia anche negli ultimi dati disponibili relativi al 2017, che mostrano un incremento dei consumi di flexible packaging pari al 2%, a quota 14 miliardi di euro. La produzione totale annua ha superato i 15 miliardi, di cui il 75% imputabile all’Europa occidentale e il restante 25% all’Europa dell’est.

La crescita organica della maggior parte dei segmenti, come quello del caffè, del pet food e degli alimenti freschi, ha dato una spinta notevole alla produzione”, ha dichiarato Guido Aufdemkamp, executive director di Flexible Packaging Europe (FPE). “I nuclei familiari più piccoli necessitano di un maggior numero di opzioni monodose e c’è una richiesta costante di incrementare la varietà dei prodotti per i consumatori. Questa tendenza supporta il passaggio dal packaging rigido a quello flessibile che offre più praticità e si adatta meglio ai mutati stili di vita”.

La vera sfida, tuttavia, rimane quella della sostenibilità che coinvolge l’intera filiera del packaging, dalla materia prima ai costruttori di macchine, fino ai marchi di largo consumo e al cliente finale, con l’obiettivo di arrivare al recupero totale della confezione multistrato entro il 2025.

Questo cambiamento suggerisce alle imprese di anticipare la tendenza, con la creazione di poli d’eccellenza nel mercato italiano del flexible packaging (in questa direzione, ma è solo uno dei numerosi esempi, la recente concentrazione di Poplast, FM Plastic e Sala da parte della britannica EOS Investment Management). A questo scopo FPE si è posta in prima linea nel promuovere tutta una serie di iniziative a partire dalla creazione di Ceflex, un consorzio di aziende e organizzazioni che collaborano per rafforzare il ruolo del packaging flessibile nell’economia circolare in Europa e arrivare alla raccolta, cernita e riciclaggio delle confezioni. Ceflex punta non solo a riprogettare il packaging per ridurre al minimo lo spreco di materiale, ma anche a sviluppare infrastrutture per raccogliere, dividere e riciclare gli imballaggi flessibili in tutta Europa.

Nuovi Studi

S.A.L.A. srl a Socio Unico
CF e PIVA 02016070365
Iscr. al Registro delle Imprese di Modena N° 02016070365