Scenari economici

Consumo di piastrelle: la situazione cina

La Cina si conferma come il più grande mercato di destinazione delle piastrelle con quasi 4,9 miliardi di mq consumati nel 2015 corrispondente al 40,1% del totale consumato nel mondo pari a 12,2 miliardi di mq. Il consumo delle piastrelle in Cina è coperto quasi esclusivamente dalla produzione locale ed è cresciuto ad un tasso medio annuo dell’8% nell’ultima decade.

Non c’è dubbio, stando ai commenti dei principali osservatori economici internazionali, che il mercato immobiliare cinese sia il vero motore della crescita del pil nazionale che, per il 2016 si assesterà sul livello del 6,7%. Tuttavia il boom del mercato immobiliare desta anche qualche preoccupazione; la crescita dei prezzi ad un ritmo del 30% annuo nelle principali città cinesi fa presagire la formazione di una bolla immobiliare, anche se il governo cerca di correre ai ripari con misure restrittive per disincentivare l’acquisto.

In questo quadro, il 2016 si chiuderà, in Cina, con i consumi di piastrelle ancora in crescita ma ad un ritmo inferiore rispetto al recente passato. A questo proposito si stima una crescita attesa intorno al 5% che dovrebbe portare il volume di piastrelle consumate in cina intorno ai 5,1 miliardi nel 2016.

Sul fronte della produzione, per la prima volta dopo 10 anni, si osserva una battuta d’arresto in termini di volume. Si tratta di un calo che porta il volume complessivo a 5,97 miliardi di mq. nel 2015. La riduzione, pari allo 0,5% rispetto al valore del 2014, è di entità modesta ma pur sempre degna di nota e si affianca ad una riduzione del volume dell’export cinese che, per il secondo anno consecutivo, segna un risultato negativo. In particolare, la riduzione osservata rispetto al 2013 è di quasi 5 punti percentuali (-3% 2014/13 e quasi -2% 2015/14).

Scenari economici

S.A.L.A. srl a Socio Unico
CF e PIVA 02016070365
Iscr. al Registro delle Imprese di Modena N° 02016070365