News Ceramica

I grandi progetti di costruzione in Egitto e Marocco

12 Giugno 2019

Tra i Paesi con più investimenti nel segmento delle costruzioni, emerge l’Egitto con la sua “New Capital”, una città sul deserto a est de Il Cairo, la cui apertura è attesa per la metà del 2020 e che insieme ad altri megaprogetti andrà a stimolare l’economia e lo stile di vita di circa 100 milioni di cittadini egiziani. Nella faraonica new town (700 kmq e 6,5 milioni di persone) le autorità hanno intenzione di trasferire entro tre anni tutti gli uffici e gli edifici del Governo, dell’amministrazione centrale e del Parlamento.
Il masterplan include anche un parco tecnologico e dell’innovazione, più di 650 ospedali e cliniche private, oltre a 40mila camere d’hotel.

Improntata al modello delle smart cities, la new capital sarà una città a tecnologia led,  con un proprio aeroporto internazionale.

L’altro grande megaprogetto in corso di realizzazione è il New Al-Alamenin City, ubicato nella costa nord occidentale del Paese. Con un investimento pari a 337 miliardi di dollari, di cui 59,6 miliardi a carico dello Stato, la nuova “multi million dollar eco-city” diventerà la nuova riviera dell’Egitto con ampie zone turistiche, residenziali, agricole e industriali.

In Marocco, lo scorso giugno, è stata invece avviata la seconda fase dell’ampio progetto infrastrutturale Wessal Bouregreg che si svilupperà in Marocco lungo il fiume Bouregreg, tra la capitale Rabat e la città confinante di Salé. Il badget previsto nel periodo compreso tra il 2018 ed il 2022 è pari a 322 milioni di euro. Secondo l’ICE di Casablanca, il programma prevede costruzioni per una superficie totale di circa 875mila metri quadrati e comprenderà edifici residenziali (4.200 unità abitative), aree commerciali, uffici, centri socio-culturali e per l’intrattenimento, strutture sanitarie, parcheggi e strutture alberghiere. Oltre la  metà (61,5%) degli edifici sorgerà nei pressi di Rabat, mentre il restante 38,5% sarà costruito verso la città di Salé. Il progetto Wessal Bouregreg si dovrebbe concludere nel 2024, con un costo complessivo stimato in 786 milioni di euro e la creazione di quasi 10mila posti di lavoro.

Nuovi Studi

MECS srl
CF e PIVA 03898650365
Iscr. al Registro delle Imprese di Modena N° 03898650365